Bottoni marini

leprepazza: “mamma, ho pelso un bottone!”io: “no,non ci credo. non ci posso credere!”
l: “sì sì, l’ho pelso davvero. cledimi.”
io: “no, dai, non è vero. te ne ho rimessi due ieri”
l: “sì ma oggi io ne ho pelso uno divelso”
io: “argh!!!! ma com’è possibile? solo tu! continuo a riattaccare bottoni solo tuoi.”
l: “non lo so, mamma. cascano giù. da soli. come le foglie!”
io: “non sono mica stagionali, i bottoni! com’è che alle tue sorelle non capita?”
l: “non lo so. quello di oggi l’ho ritlovato però.”
io: “brava. dov’è?”
l: “ce l’ha la mia maestla occhibelli”
io: “e cosa se ne fa, occhibelli, del tuo bottone?”
l: “niente, se l’è messo in tasca per non pelderlo. solo che poi mi sono dimenticata di lichiedelglielo.”
io: “ecco, domani fattelo ridare, perché quello non è un bottone normale, è un alamaro, e non ne ho uno nemmeno vagamente simile da mettere al suo posto, quindi mi serve proprio quello”
l: “un alamalo?”
io: “sì.”
l: “ah. va bene.”

pausa di silenzio

l: “mamma?”
io: “che c’è?”
l: “ma gli alamali non vivono nel male? come fanno a stale attaccati al mio maglione? folse si staccano per quello….”
io: “quelli sono i CALAMARI, leprepazza, non gli alamari!!!!!!”
l: “ah…. mi semblava stlano…”

1 Response

  1. OK… questa la faccio leggere in giro!

Rispondi a Massimo Malpi Malpezzi Annulla risposta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: