Timidamente rock

Ciao. Mi chiamo Paperella, oggi compio 11 anni, ho finito le elementari e voglio un taglio rock!

Tanti auguri, a te che sei insieme bambina e ragazzina, che sei insieme timidissima e rock, solare e lunatica, che riempirei di baci se non mi facessi prima venir voglia di prenderti a schiaffi, che corri tutto Il giorno e poi ci metti 10 minuti a salutare quando sei sulla porta, che sei stata diplomata con una menzione per la tua vivace intelligenza eppure non capisci come sia possibile che ci sia il male nel mondo, che ti dai tutta in quel che fai e poi ti ricordi che sei grande e metti su la faccia da finta indifferenza, che ti entusiasmi per tutto e vorresti essere scrittrice ma anche ginnasta, attrice e poi mamma, esploratrice e musicista, a te che nulla mai ti basta e di tutto ti innamori…

A te, che la tua canzone preferita è tutta un programma. prima di conoscerti pensavo parlasse dell’umanità, invece mi hai insegnato che è tutto, tutto, già in te.

A te, che che oggi sei scesa in campo con le idee chiare… e a fine gara, con il tuo oro al collo, mi hai semplicemente detto: obiettivo raggiunto!

Buoni 11 anni, Paperella.

Tensione evolutiva – Jovanotti

Abbiamo camminato sulle pietre incendescenti
Abbiamo risalito le cascate e le correnti
Abbiamo attraversato gli oceani e i continenti
Ci siamo abituati ai più grandi mutamenti
Siamo stati pesci, e poi rettili e mammiferi
Abbiamo scoperto il fuoco e inventato i frigoriferi
Abbiamo imparato a nuotare, poi a correre
E poi a stare immobili

Eppure ho questo vuoto tra lo stomaco e la gola
Voragine incolmabile
Tensione evolutiva
Nessuno si disseta ingoiando la saliva

Ci vuole pioggia, vento, e sangue nelle vene
Pioggia, vento, e sangue nelle vene
E sangue nelle vene
E sangue nelle vene
E sangue nelle vene

E una ragione per vivere
Per sollevare le palpebre
E non restare a compiangermi
E innamorarmi ogni giorno, ogni ora, ogni giorno, ogni ora di più
(Uuuuuh) Di più
(Uuuuuh) Di più (Uuuuuh)

Abbiamo confidenza con i demoni interiori
Sappiamo che al momento giusto poi saltano fuori
ci sono delle macchine che sembrano un miracolo
Sappiamo come muoverci nel mondo dello spettacolo

Eppure ho questo vuoto tra lo stomaco e la gola
Voragine incolmabile
Tensione evolutiva
Nessuno si disseta ingoiando la saliva

Ci vuole pioggia, vento, e sangue nelle vene
Pioggia, vento, e sangue nelle vene
E sangue nelle vene
E sangue nelle vene
E sangue nelle vene

E una ragione per vivere
Per sollevare le palpebre
E non restare a compiangermi
E innamorarmi ogni giorno, ogni ora, ogni giorno, ogni ora di più
(Ooooooh) Di più
(Ooooooh) Di più (Ooooooh)

E innamorarmi ogni giorno, ogni ora, ogni giorno, ogni ora di più

Pioggia, vento, e sangue nelle vene

E innamorarmi ogni giorno, ogni ora, ogni giorno, ogni ora di più
(più, più, più, più, più…)
Ogni giorno, ogni ora
ogni giorno, ogni ora di più!

Rispondi